Per questo appuntamento con la cucina tipica regionale, abbiamo pensato di tenerci leggeri, dopo i piatti succulenti del Carnevale, il tema di questa uscita è  Zuppe o Verdure. Qui da me  troverete uno dei piatti più semplici e poveri della cucina umbra, in passato era preparato con verdure miste, quelle che si trovavano nell’orto o erbette che crescevano spontanee nei prati, si aggiungevano poi delle briciole di pane raffermo che sicuramente erano in dispensa e di certo non dovevano andare sprecate.

smulicata

Smulicata

Autore: 2 Amiche in Cucina
Tipo ricetta: Contorno
Origine ricetta: Italia-Umbria

Ingredienti

  • Bietole o altre verdure a vostra scelta
  • Olio extravergine d’oliva
  • Aglio
  • Peperoncino
  • Sale
  • Briciole di pane raffermo
Preparazione
  1. Eliminate le foglie rovinate alla verdura, lavatela e lessatela, scolatela e tenete da parte.
  2. In una padella fate soffriggere aglio, olio e peperoncino, aggiungete la verdura e regolate di sale, fate insaporire per 10 minuti.
  3. Allontanate dal fuoco, cospargete con briciole di pane raffermo e servite.

 l'italia nel piatto Umbria 2

Valle d’Aosta: Minestra di riso con porri e patate
Trentino-Alto Adige: La mosa e la trisa
Friuli-Venezia Giulia: Jota alla triestina 
Veneto: La panada 
Lombardia: La Büseca (Trippa)
Liguria:  carciofi con piselli (articiocche con puisci)
Emilia Romagna: Zuppa di patate DOP di Bologna e polenta con gorgonzola
Toscana: Porrata bianca, ricetta fiorentina del ‘300
Marche: Zuppa di cicerchia: ricetta tipica delle Marche  
Abruzzo:Zucchine e Patate (Chicocce e patane)
Molise: Farinata de Sante Paule
Lazio: Minestre di broccolo alla romana
Campania:‘Mbastuocchio vruoccl e rape e fasul
Basilicata: Pasta e patate-la mia versione con peperoni cruschi e ricotta salata
Puglia: Le cecuère salvàgge cu bbrote
Calabria: Zuppa di fagioli, zucca gialla, funghi e borragine
Sicilia:Macco di fave e finocchietto selvatico

  Vi ricordo il nostro blog L’Italia nel Piatto

logo l'italia nel piatto

20 Comments on Smulicata per “L’Italia nel Piatto”

  1. Michela Sassi A tutto pepe
    16 febbraio 2015 at 11:53 (2 anni ago)

    Amo i piatti semplici… e cosa c’è di meglio di questa delizia preparata da te? Bravissima!

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      17 febbraio 2015 at 11:24 (2 anni ago)

      grazie Michela in Umbria i piatti semplici abbondano, un bacio

      Rispondi
  2. Anna Lisa
    16 febbraio 2015 at 13:54 (2 anni ago)

    Io amo le bietole, ma di solito le mangio lesse, olio e limone. Fatte così sono un’altra storia e data la cottura in padella penso che le più adatte siano quelle selvatiche, di campo: gustose, minerali e meno coriacee. Complimenti!

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      17 febbraio 2015 at 11:25 (2 anni ago)

      si in effetti con le selvatiche è tutta un’altra storia, ma anche la bietola non è male.

      Rispondi
  3. Elisabetta
    16 febbraio 2015 at 21:52 (2 anni ago)

    Un piatto semplice e delizioso!
    Complimenti !!

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      17 febbraio 2015 at 11:42 (2 anni ago)

      grazie Elisabetta

      Rispondi
  4. elena
    17 febbraio 2015 at 16:16 (2 anni ago)

    commovente e bellissimo il tuo post, con le tue parole il tuo piatto si gusto ancora meglio!

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      18 febbraio 2015 at 17:11 (2 anni ago)

      grazie Elena, un bacione

      Rispondi
  5. valentina
    17 febbraio 2015 at 21:38 (2 anni ago)

    Semplicemente buono…e poi ci si può mettere qualsiasi tipo di verdurina quindi anche dalle mille sfaccettature.

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      18 febbraio 2015 at 17:12 (2 anni ago)

      si infatti è una ricetta che si adatta ai gusti di ognuno

      Rispondi
  6. elena
    17 febbraio 2015 at 22:35 (2 anni ago)

    una ricetta povera, che utilizza quello che si ha a portata di mano,sono quelle che più amo e con verdure fresche sono pure le più buone… ottima proposta! bacioni

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      18 febbraio 2015 at 17:10 (2 anni ago)

      grazie Elena, ci si barcamenava con quello che si aveva, un bacio

      Rispondi
  7. sabrina
    20 febbraio 2015 at 0:15 (2 anni ago)

    Sono sempre molto curiosa di vedere cosa prepariamo da inserire nella rubrica regionale. Complimenti per la scelta di questo piatto … un abbraccio

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      21 febbraio 2015 at 20:02 (2 anni ago)

      anche io sempre curiosa di scoprire cosa offrono le altre regioni, un bacio

      Rispondi
  8. loredana
    20 febbraio 2015 at 18:33 (2 anni ago)

    Un piatto semplice , ma che sa rendere benissimo l’idea di quella che era la vera cucina della tradizione, nella sua frugalità.

    Alla prossima 😉

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      21 febbraio 2015 at 20:02 (2 anni ago)

      grazie Loredana, alla proossima

      Rispondi
  9. Raffaella
    24 febbraio 2015 at 9:13 (2 anni ago)

    Piatto povero ma certamente buonissimo. La mollica di pane raffermo è un’abitudine che caratterizza anche la mia regione, un modo intelligente di consumare e dare nuova vita al pane donando consistenza e golosità ai piatti.
    Un abbraccio Miria!

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      1 marzo 2015 at 22:05 (2 anni ago)

      nei nostri piatti c’è spesso pane raffermo, baci

      Rispondi
  10. Milena
    25 febbraio 2015 at 20:40 (2 anni ago)

    buonissimo questo piatto di verdure!
    proprio con le bietole prepariamo anche noi un piatto simile, aggiungiamo solo qualche pomodorino d’inverno, sai quelli che si appendono al filo in estate e poi si fanno asciugare per il consumo invernale!
    un bacione

    Rispondi
    • dueamicheincucina
      1 marzo 2015 at 22:10 (2 anni ago)

      buoni quei pomodorini, un bacione Milena

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *